Quanto deve essere pulito l’appartamento dopo il trasloco?

Il tuo appartamento deve essere semplicemente a prova di scopa oppure risplendere come nuovo? Di quali riparazioni ti devi occupare e quali parti usurate è necessario sostituire? Ti presentiamo un’analisi dettagliata.

Come se il trasloco non fosse già di per sé stressante abbastanza, al momento di lasciare l’appartamento ci si mette anche il locatore che, con checklist chilometrica alla mano, fa visita per effettuare un sopralluogo e controllare interruttori, rubinetti, prese e finestre.

Per sapere però quanto a fondo bisogna pulire l’appartamento prima di lasciarlo, è necessario fare riferimento al contratto d’affitto. Molti locatori trasmettono, insieme alla conferma della disdetta, una lista di cose da fare elencando tutti i lavori di pulizia e di riparazione da effettuare.

Essi possono esigere esclusivamente un tipo di pulizia di cui puoi occuparti anche autonomamente: infatti, in caso venga richiesto un servizio di pulizia professionale (ad es. del parquet o dei tappeti), puoi tranquillamente ignorare questa pretesa.

Di quanti accessori per la pulizia hai bisogno prima di traslocare? Dipende dal locatore (Immagine: Freepik.com)

La piccola manutenzione

Al momento di lasciare l’appartamento vengono solitamente alla luce alcuni danni di entità minore e maggiore. Secondo la maggior parte dei contratti d’affitto in Svizzera, il locatario è tenuto a farsi carico dei costi per riparazioni di minore entità fino a 200 franchi (ad es. sostituzione di teglie da forno, portasapone o dei filtri di aspirazione del vapore).

Ci sono poi altri lavoretti tipici che rientrano nella «piccola manutenzione» e devono pertanto essere svolti al momento del trasloco:

– Stringere le viti

– Oliare le cerniere

– Pulire gli scarichi

La piccola manutenzione anche per gli appartamenti più vecchi!

A proposito: tieni presente che sei egualmente responsabile per i lavoretti di piccola manutenzione anche quando l’appartamento che stai lasciando risale all’età della pietra. Ricordati però che sei tenuto/a a pagare solamente per lavoretti di manutenzione negli ambienti a utilizzo esclusivo, e non ad esempio nella lavanderia condivisa o nel ripostiglio per le biciclette.

Pulizia a prova di scopa

Lo indica già l’espressione stessa: una pulizia a prova di scopa, sebbene accurata, rimane in fin dei conti una pulizia finalizzata a raccogliere lo sporco più evidente dai pavimenti nonché pulire sommariamente la cucina e gli ambienti umidi.
In questo caso, nella maggior parte dei contratti d’affitto è prevista inoltre una tariffa forfettaria che il locatore incassa per effettuare una pulizia accurata dell’intero appartamento.

Pulizia accurata

Se il contratto non contiene alcuna definizione del livello di pulizia richiesto al momento del trasloco, allora è necessario effettuare una pulizia più accurata. In questo caso, una semplice pulizia a prova di scopa non basta.

Professionisti non solo puliscono più accuratamente, ma raggiungono anche quei punti che spesso e volentieri tendi a dimenticare. (Immagine: Wikipedia)

 

In sintesi: in questo caso è necessario pulire attentamente l’abitazione e tutte le stanze a essa connesse (soffitta, cantina, garage e cassetta della posta).

Nel dettaglio, invece, questo significa:

Pavimenti

È necessario passare l’aspirapolvere su tutti i pavimenti e pulirli con detergenti adeguati. In base alle richieste del locatore, ricordati inoltre di trattare i pavimenti in legno con prodotti appositi. Le macchie su tappeti e moquette devono infine essere rimosse nel miglior modo possibile.

Pareti

Lo sporco e le crepe causati da cornici e simili devono essere rimossi senza danneggiare le pareti. Ciò vale anche per i segni di usura intorno agli interruttori e alle prese di corrente. È inoltre necessario rimuovere tutti i poster, gli adesivi o i ganci autoadesivi senza lasciare alcun residuo.

Un consiglio: acquistando della gomma magica per muri potrai ottenere risultati miracolosi e le pareti torneranno bianche e senza tracce.

Fori per tasselli

Viti e tasselli devono essere rimossi. Chiedi al locatore se è altresì necessario stuccare i fori per coprirli e fatti confermare tutte le indicazioni per e-mail: in questo modo eviterai di dover sostenere i presunti costi necessari per il lavoro supplementare dell’imbianchino.

Finestre

I vetri delle finestre devono essere puliti sia all’interno che all’esterno. Questo vale anche per infissi e davanzali (sia all’interno che all’esterno). E non dimenticare di pulire anche le persiane.

Mobili ad incasso

Questi vanno puliti dentro e fuori.

Ambienti umidi

È necessario pulire WC, lavandino e vasca da bagno e rimuovere il calcare da tutti i rubinetti. Inoltre, pulisci tutti i sifoni e assicurati che non siano presenti delle otturazioni;

in caso contrario, dovrà essere tua premura sturare il sifone purché esso possa essere aperto manualmente.

Cucina

In cucina, è necessario pulire gli elettrodomestici da incasso. Lavastoviglie, fornelli, forno e frigorifero/congelatore richiedono detergenti e accessori per la pulizia adeguati. Documentati consultando le istruzioni per l’uso e richiedi informazioni nei negozi specializzati.

Balcone/stanza degli hobby/cantina/garage

Nella maggior parte dei casi, in queste stanze basta passare semplicemente la scopa. Spesso basta dare una passata un po’ più accurata e il gioco è fatto.

Motivi per optare per un servizio di pulizia professionale

A volte vale la pena assumere un’impresa di pulizie professionale per pulire casa prima di lasciarla definitivamente. Queste imprese specializzate conoscono bene tutti gli angoli degli appartamenti, anche quelli più nascosti che il locatore più critico e scrupoloso andrà certamente a scovare.

Ma attenzione: anche fra le imprese di pulizie si nasconde qualche pecora nera che offre servizi non molto professionali. Ecco alcune caratteristiche che ti aiuteranno a trovare un servizio serio e affidabile.

– Le aziende serie e affidabili dispongono di un indirizzo e di una sede permanente, mentre quelle meno serie operano semplicemente con un furgoncino proveniente dal confine più vicino.

– Le aziende serie offrono una garanzia di presa in consegna: questo significa che dovrai pagare solamente dopo aver riconsegnato l’appartamento e che l’impresa si farà carico di pulizie aggiuntive dove necessario.

– Le aziende affidabili ti danno la possibilità di scegliere tra il pagamento in contanti o tramite fatturazione; quelle meno serie, invece, ti spingono a pagare in contanti per poter levare le tende in men che non si dica.